AuraCleansing

AuraCleansing utilizza le tecniche sistematizzate da Mario Totti, denominate Aura, Campi Energetici e Radiestesia con i Maestri di Luce, con l'aggiunta di tecniche verbali come il focusing per accompagnare il ricevente nell'ascolto di sé, in un processo di autoconsapevolezza e di armonia emozionale.

Come si svolge un trattamento:

Ricevente e operatore sono seduti uno di fronte all'altro, oppure il ricevente può mettersi in una posizione in cui si trova a proprio agio, mantenendo uno stato di presenza. L'operatore, munito di biotensor (un'antenna usata in radiestesia), utilizza le tecniche verbali, sia per accompagnare il ricevente in una modalità di ascolto interiore, che per condurre il processo di autoconsapevolezza che emerge con l'utilizzo delle tecniche operative di Pulizia dell'Aura.

 

Qualora affiorassero emozioni e sensazioni corporee controllate, l'operatore accompagnerà il ricevente, che diventa attivo e in ascolto di sé, in un processo di accoglienza e comprensione delle qualità insite nelle forze emozionali-spirituali liberate.

 

Il processo di trasformazione è utile che includa anche le memorie cellulari corporee, per riunire ciò che era stato scisso e ritrovare il corpo dell'anima, un corpo inteso come centro di esperienza della coscienza, dove il sentire si unisce all'intuire per conoscere la propria missione e portarla nel mondo.

 

Gli eventi che giudichiamo negativi e le relazioni impegnative e frustranti sono in realtà preziosi alleati dell'anima, nel viaggio di integrazione di parti di in ombra, per esplorare nuovi modi di vedere, sentire, agire, saper fare e relazionarsi.

 

Un trattamento ha una durata di circa un'ora.

 

Questo trattamento, in casi di difficoltà negli spostamenti, è efficace anche a distanza (grazie all'influsso bio-energetico sull'Aura). In questi casi, per l'aspetto comunicativo e di gestione del processo di consapevolezza, si utilizza il telefono o la videochiamata.

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

'Nessuno ha il potere di renderci felici o infelici:
siamo noi stessi i soli responsabili della nostra felicità'.