COGLIERE l'OPPORTUNITÀ

Articolo - marzo

Quando mai alla stragrande maggioranza delle persone capita l’opportunità di potersi fermare o perlomeno di rallentare a livello lavorativo, come ora che si è forzatamente limitati negli spostamenti, costretti a cambiare le proprie abitudini e a rimanere all’interno delle proprie case?

 

L’allarme coronavirus porta alla coscienza paure fondamentali dell’esistenza umana, spesso relegate al nostro lato ombra, che in realtà, più o meno consciamente, limitano la qualità delle nostre vite e le relative scelte, come la paura delle malattie e dell’appuntamento inevitabile chiamato morte, che ci conduce esperienzialmente all’interno della più grande e misteriosa trasformazione.

 

Ora abbiamo tutti gli elementi fondamentali per iniziare un processo di cambiamento consapevole e di Fioritura interiore (o approfondirli se erano già in atto):

 

Numero uno, abbiamo il tempo per attivare un processo di riflessione o meditazione: stare in ascolto di sé;

 

Numero due, abbiamo la malattia come specchio del disagio esistenziale, ovvero possiamo accorgerci di quali parti di noi autentiche e gioiose teniamo in ombra (dis-agio);

 

Numero tre, abbiamo la morte come potente metafora di trasformazione, dove possiamo permettere che il naturale discernimento si compia, per nutrire, crescere e far esprimere l’Essere.

 

I processi di Fioritura interiore necessitano di un ascolto di sé sincero, perché il desiderio di un cambiamento è un atto di volontà autentica, ovvero un atto di amore verso il proprio , che può nascere anche in relazione a eventi di grande disagio o paura, che spesso ci chiedono di fermarci  per accorgerci di qualcosa che forse prima non avevamo preso in considerazione e non avevamo potuto sperimentare.

Quindi approfittiamone..

 

Buona trasformazione!

 

 

Giorgio Busi

'Nessuno ha il potere di renderci felici o infelici:
siamo noi stessi i soli responsabili della nostra felicità'.